La SINW, la nostra Scuola Italiana Nordic Walking

La Scuola è un luogo, è una associazione, un’organizzazione, è un contesto all’interno del quale apprendere; la Scuola è una realtà composta principalmente da persone e quelle persone siamo noi, che con la nostra esperienza, la nostra professionalità e la nostra passione si mettono al servizio di altre persone. Un impegno energico per condividere, per trasmettere, per insegnare, educare, formare, rendere capaci e autonome, prima alla pratica, poi all’insegnamento del Nordic Walking nelle sue varie declinazioni!

Italiana: perché sempre più si vuole aprire, con disponibilità e attenzione, a tutto il territorio che ne desidera fare parte!

Nordic: da nord a sud e da est a ovest, come una grande vela capace di cogliere i venti propositivi che la toccano, capace di gonfiarsi e prendere nuova forma, pronta ad aumentare la velocità dove e quando gli impulsi e le spinte sono dirette verso gli obiettivi istituzionali perseguiti!

Walking: camminare, soprattutto camminare insieme seguendo una rotta: quella dell’evoluzione, quella della qualità, quella dell’essere e poi del fare: essere Tecnici sportivi e fare i Tecnici sportivi!

La Scuola è come un aeroplano che sta percorrendo un viaggio lunghissimo! Non tutti sanno però che un aereo, durante la sua fase di volo, da un punto di partenza ad un punto di arrivo, viaggia per il 98% fuori rotta; le interferenze meteo, la rotazione terreste ed altri fattori rendono pertanto necessaria una costante ed opportuna correzione della rotta stabilita, ed ecco spiegato perché esiste il pilota automatico! I Piloti ne sono consapevoli e tengono monitorato lo scorrere del percorso ma i passeggeri a bordo non percepiscono nulla di tutto ciò e a distanza di tempo, comodamente seduti in poltrona, si trovano semplicemente a destinazione raggiunta senza nessun tipo di partecipazione e coinvolgimento!

In tanti, ma forse non tutti, sanno che la “nostra SINW” da anni segue una rotta e, per restare nella metafora dell’aereo, possiamo dire che l’equipaggio (C.D. e Commissioni) in cabina piloti è consapevole ed attivo su queste correzioni di traiettoria, mentre la parte “passeggera” ha più difficoltà nel percepire che avanza lentamente.

La rotta è quella della crescita, dello sviluppo, dell’adeguamento a questo momento storico legato anche e soprattutto alla imminente riforma dello sport.

Ad un anno esatto dall’insediamento del nuovo Consiglio Direttivo si potrebbe oggi fare un primo scalo di volo e si potrebbe fare un dettagliato resoconto delle tante attività riprese, intraprese, e messe in programma; si potrebbero citare veramente numerose persone singolarmente, tutte le Commissioni incaricate e quelle prossime a riceverne uno, per la loro disponibilità e l’impegno che hanno saputo tradurre in sostegno concreto verso la nostra Scuola, ma oggi si vuole invece dire grazie, grazie a chi crede in questa Associazione, a chi crede nei valori e nei significati più ampi dello sport, grazie a chi, ogni giorno, fa un passo avanti, grazie a chi con la sua Giubba Rossa fa fare un passo avanti ai propri allievi, stimolandoli a migliorarsi, a stare bene, ad avvicinarsi al nostro mondo e perché no, a diventare un giorno colleghi, capaci e professionali dentro ad una Scuola che sappia fare sempre meglio. La rotta è quella di distinguersi, per sostenersi e per vivere di soddisfazioni comuni, per vivere quel senso di appartenenza che ci fa battere il cuore e ci fa emozionare al pensiero di essere Istruttori della SINW.

Dentro al nostro grande uovo di Pasqua le sorprese ci sono, oggi però non ve le raccontiamo! Il nuovo Manuale Tecnico, le Tre fasi, le novità negli Aggiornamenti Istruttori e Maestri, il progetto Sezione Territorio, il progetto Scuole, il Corso Allenatori, e le altre in programma, attraverso il Team della Comunicazione, vi saranno raccontate con tempismo e dovizia di particolari quindi tenetevi pronti per leggere una alla volta!

Siamo prossimi alle festività pasquali e adesso vogliamo esprimere a tutti noi e alle nostre famiglie i migliori auguri e tanta serenità con l’invito, tra un pranzo e l’altro, di ricordarci dei nostri inseparabili bastoncini!