fbpx

#NORDICTALES 2019… quando il nordic walking va oltre il semplice camminare

23 Aprile 2019  

Si taglia il traguardo della V edizione del progetto #NordicTales orientato a far conoscere e provare il Nordic Walking ai malati di Sclerosi Multipla: anche per quest’anno la Scuola Italiana Nordic Walking è partner dell’intera manifestazione e con i suoi istruttori si preoccupa di tutti gli aspetti legati all’organizzazione dell’attività sportiva.

Il progetto è orientato a far conoscere e provare il Nordic Walking alle persone con Sclerosi Multipla che, da un punto di vista psicologico oltre che fisico, spesso hanno perso fiducia in se stesse e per questo si fanno condizionare negativamente e vengono distolte dallo svolgere qualsiasi attività fisica e di socializzazione.

Proprio perché la patologia porta tra i suoi effetti una scarsa resistenza alla fatica, un’attività dolce e graduale come il Nordic Walking, con i suoi obiettivi raggiungibili, è invece particolarmente adatta a fornire motivazioni positive e a rafforzare l’autostima, creando un circolo virtuoso che alimenta i progressi. L’assenza di competitività aiuta inoltre la socializzazione, ponendo tutti i partecipanti sullo stesso piano.

Dopo l’avventura cominciata nel 2015 sono davvero tantissime le esperienze fatte in diverse Regioni italiane (dal nord al sud), facendo camminare più di 400 persone con SM, coinvolgendo circa 65 istruttori e almeno 40 specialisti messi in campo da Argon Healthcare grazie all’organizzazione di Sanofi Genzyme con il supporto operativo, oltre che della SINW, delle diverse sezioni regionali e territoriali dell’AISM.

Dopo l’edizione 2017 legata all’alimentazione e quella 2018 in cui al NW si è affiancata un’esperienze di Mindfulness, quest’anno, dopo un’oretta di camminata con i bastoncini che aiutano in principal modo a ritrovare stabilità, viene proposta una sessione di Tai Chi, disciplina orientale i cui benefici sul sistema nervoso vengono riconosciuti anche a livello clinico.

Le Regioni interessate dal progetto 2019 sono ben 5 – Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia,– e sono in programma una serie di incontri lezioni dimostrative aperti a pazienti, parenti e amici che vedono un fitto calendario che si svolge tra maggio e giugno:

  • 11 maggio –villa Doria Pamphili, Roma
  • 18 maggio – Parco delle Groane, Solaro (MI)
  • 25 maggio – Baia del silenzio, Sestri Levante (GE)
  • 1 giugno – parco urbano G. Bassani, Ferrara
  • 8 giugno – lungomare Caracciolo, Napoli

 

La squadra della Scuola Italiana, capitanata dalla Master Trainer Alessandra Cazzola e dall’istruttore e fisioterapista Fabio Ena, ha vari compiti tra i quali:

  • dare supporto nella scelta del parco cittadino o dell’area ritenuta più adatta per svolgere l’attività, facendo attenzione a scegliere terreni regolari e in pianura, zone d’ombra dove potersi riparare in caso di sole eccessivo
  • preparare un mini percorso e gli esercizi da svolgere in compagnia dei partecipanti nell’arco di un’ora
  • dare supporto al neurologo nel discorso introduttivo di apertura specificando brevemente in cosa consiste il nordic walking
  • mettere a disposizione attrezzatura tecnica extra (bastoncini) in caso di necessità

I singoli incontri sono delle lezioni di prova a seguito delle quali poi, ciascun gruppo (eventualmente coadiuvato da altri istruttori delle stesse aree geografiche che vogliono partecipare attivamente al progetto) cercherà di realizzare degli incontri fissi in stretta collaborazione con AISM e gli staff medici che hanno aderito alla prima iniziativa.

Commenti

Lascia un commento all'articolo che hai appena letto !